L’addio a Oliver Sacks

Oliver Sacks non era solo uno scrittore e non era solo un neurologo: come una sintesi hegeliana, Sacks era lo scrittore della medicina, il medico della letteratura.
Si è spento ieri, all’età di 82 anni, dopo una lunga malattia.
sacksI suoi scritti veleggiano tra la divulgazione saggistica e l’intrattenimento romanzesco, e attingevano direttamente all’esperienza di Sacks con i suoi pazienti.
La letteratura, al pari della scienza, era per Sacks un’occasione, un strumento nobile per indagare la mente umana; quasi che la letteratura fosse un prolungamento, un estensione della scienza stessa.
Ecco l’aspetto davvero interessante di Sacks, che fa di lui più d’un medico e più d’uno scrittore: l’aver fatto convivere la medicina e la scienza con l’arte letteraria, l’aver dimostrato che l’esatto empirismo scientifico possa sussistere in comunione con il sentimento, l’invenzione e la creatività artistica.
Di lui rimarranno vivi capolavori come L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, Risvegli, Un antropologo su marte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...