“Crepapelle” di Paola Rondini, romanzo da leggere tutto d’un fiato

Crepapelle – Paola Rondini
(Intrecci Edizioni)

Rodini-Crepapelle.indd“Ero sempre stato un mago nel fare la cravatta.
Muovendo le dita con agilità jazzistica, annodai il serpente di seta finché le righe della regimental non formarono un angolo perfetto. Mi osservai allo specchio: la pelle ambrata, le spalle resistenti e asciutte, i capelli scuri e lucidi di brillantina Brylcreem.
Il bel ragazzo dagli occhi petrolio che mi stava sempre addosso, sorrise al vecchio dall’altra parte, poi entrambi controllammo l’orologio: le tredici in punto.
La mia mano artritica aprì il cassetto ed estrasse il documento: un foglio solo, carta buona e spessa”. 

Si apre così, in medias res e in una fugace prima persona, il nuovo romanzo di Paola Rondini, scrittrice che ha iniziato la sua carriera ormai quindici anni fa e che ha da poche settimane pubblicato Crepapelle con la casa editrice indipendente Intrecci Edizioni.

La “mano artritica” del personaggio inizialmente senza nome è di Edo, un uomo ormai anziano che si prepara a compiere un piccolo rito mensile proprio all’incrocio con il semaforo: distribuire a chi è alla guida un misterioso documento. I protagonisti delle vicende, però, in realtà sono altri e interagiscono con Edo solo per caso, proprio mentre sono in macchina al fatidico incrocio stradale. Si tratta di Giacomo e di Greta, due perfetti sconosciuti che entrano in contatto per motivi meramente lavorativi: lei è la cliente che vuole cambiare volto, lui è il chirurgo plastico che terrà in mano il bisturi durante l’operazione.

Da un lato, infatti, Greta è ossessionata da questo pensiero: ogni segno dell’esistenza sembra condurla a questa mossa e lei li accoglie tutti, li ascolta in fila indiana, fino a decidere di sottoporsi all’intervento come se ci fosse in gioco la sua stessa sopravvivenza, la sua accettazione di sé stessa, una rinascita che altrimenti non le sarebbe possibile compiere e che la distruggerebbe, soprattutto dopo l’imminente divorzio che ha attraversato. Dall’altro lato, Giacomo sarebbe la persona perfetta per portare a compimento la richiesta, esatto com’è nello scandire ogni gesto delle sue giornate, aggrappato com’è a una routine quotidiana da cui non mette volontariamente piede fuori di lì.

4 (1)Il foglio di Edo arriva a frapporsi perfettamente fra questi due universi, a farli incrociare per un attimo e poi scontrare con una forza inimmaginabile, rovesciando il prevedibile e dando spazio pagina dopo pagina a risvolti che stanno a cavallo fra il passato, il presente e il futuro. Non esistono più le manie di Giacomo, non con la fiduciosa tenacia di prima, e per Greta c’è da fare i conti con l’idea della morte, con l’immagine di sé che si sceglie di custodire, con i passi più lunghi della gamba che forse è meglio misurare prima di compiere.

Questo intreccio pieno di schegge e di incertezze, popolato di sogni e di incubi interiori, oltre che di riflessioni e di dialoghi brevi e pregnanti, è narrato con la solidità di una mano padrona della situazione, capace di immedesimarsi nei cuori di individui totalmente distanti fra loro, eppure accomunati da una sete per la vita quasi morbosa. I capitoli, infatti, sono come dei flash che accendono all’improvviso dei labirinti molto bui, le parole s’incastrano tutte in modi singolari ed evocativi, e le scene si rincorrono e si completano a vicenda fino alla fine, in un puzzle che non stanca mai e che riesce a non distrarre mai.

Una vicenda tutta da divorare, insomma, che si fa immediatamente sorprendente e fascinosa, e che regala una piacevole esperienza di lettura di alta qualità da ogni punto di vista.

Annunci

2 thoughts on ““Crepapelle” di Paola Rondini, romanzo da leggere tutto d’un fiato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...