Alla scoperta de “Il sesso delle ciliegie”, di Jeanette Winterson

Il sesso delle ciliegie – Jeanette Winterson
(Mondadori)

978880446930graPer capire un libro come questo, c’è innanzitutto da leggere le recensioni giuste. Non quelle di chi sostiene che sia difficile, ingarbugliato o non-sense, e che evidentemente a propria volta non sapeva a cosa stesse andando incontro quando ha scelto proprio la Winterson, ma quelle di chi è entrato nell’universo descritto nel romanzo senza pregiudizi. Quelle di chi non si aspettava risposte impossibili da trovare o patti narrativi poi non mantenuti.

Per capire Il sesso delle ciliegie, insomma, è fondamentale tenere a mente che non si ha a che fare con un’opera tradizionale, da nessun punto di vista. Che il tempo e lo spazio qui sono svincolati da ogni coerenza crono-logica interna e che l’intera vicenda è un viaggio di fantasia in primis, motivo per cui non va analizzato razionalmente, bensì esperito come se lo si stesse compiendo in prima persona. Continua a leggere

Annunci

“Il cuore è un cane senza nome”, e Giuseppe Zucco sa come descriverlo

Il cuore è un cane senza nome – Giuseppe Zucco
(Minimum Fax)

il-cuore-e-un-cane-senza-nome-19801Una rivelazione fin dalla copertina: da un lato un titolo poetico, che sa di storie antiche e a tratti fiabesche; dall’altro lato, un’illustrazione onirica ed evocativa al tempo stesso. La tentazione di immergersi nella sorpresa e di prendere fiato solo dopo avere concluso la lettura è forte.

Lo è ancora di più appena si legge l’epigrafe iniziale e si riescono già a intuire i tasselli mancanti del puzzle attraverso le parole di Virginia Woolf: “Se ne stavano divisi dal più profondo abisso che separa un essere da un altro. Lei parlava, lui era muto. Lei era una donna, lui un cane. Così incredibilmente vicini e così immensamente distanti, si erano guardati ancora”. Ed ecco che la storia prende già forma, così, senza averla ancora neppure assaggiata. È già presente in tutte le sue declinazioni.

Continua a leggere

Daniel Glattauer sorprende ancora: con “Terapia di coppia” in libreria

Terapia d’amore – Daniel Glattauer
(Feltrinelli)

9788807032653_quartaÈ arrivato in libreria con un nuovo libro proprio lui: Daniel Glattauer, che ha tenuto con il fiato sospeso milioni di lettori grazie a Le ho mai raccontato del vento del nord e la Settima onda, e che poi ha continuato a stupire con Per sempre tuo e In città zero gradi. 

E, come sempre, sorprende e fa sorridere a un tempo, fa trattenere a stento le lacrime e tiene incollati fino all’ultima pagina chiunque apre la prima anche solo per sbaglio. Si dirà che le sue storie sono brevi, dirette, contemporanee, quasi fin troppo normale per finire dentro un libro, ma forse è proprio per questo che prendono a tal punto e che vale la pena dedicare loro qualche ora del proprio tempo.

Continua a leggere

Recensione del romanzo dell’esordiente F.Picone, “Visti dalla Meta siamo tutti ultimi”

Visti dalla Meta siamo tutti ultimi – Francesca Picone
(Lettere Animate)

La penna di Francesca Picone non tarda molto a farsi conoscere: è quella di chi è abituato a una realtà piccola e sconfinata a un tempo, di quartiere e di grande città. È quella di chi conosce Napoli come le proprie tasche, proprio dall’interno dei pantaloni la tira fuori e la osserva, per poi stropicciarla di nuovo al passo successivo. È quella di chi sa come va il mondo, e non per questo ne ha né paura né rigetto.

Protagonista del romanzo edito da Lettere Animate è Sally, che all’inizio della narrazione ha già un lungo percorso alle spalle e una certa consapevolezza del microcosmo che circonda il vicoletto in cui abita, separato dal bosco solo da un muricciolo.

Continua a leggere

“Sono puri i loro sogni”, dice Matteo Bussola ai genitori, parlando dei figli da crescere

Sono puri i loro sogni – Matteo Bussola
(Einaudi)

8035470_2742301

La mancanza di una preparazione adeguata per fare i genitori si fa sentire spesso, in Italia e all’estero. Che si tratti di una formazione “sul campo”, di veri e propri corsi, di riflessioni basate sul buon senso e maturate negli anni, di insegnamenti dedotti dall’esperienza altrui, servirebbe che qualcuno segnalasse a chi ha dei figli non tanto cosa è giusto e cosa è sbagliato, quanto quale atteggiamento può essere sano e quale no.

Ecco perché una pubblicazione come quella di Matteo Bussola per Einaudi Stile Libero è particolarmente preziosa: si tratta di una lettera aperta e allo stesso tempo di un lungo racconto di vita, di un’argomentazione delicata e piena di esempi, di un vero e proprio vademecum e sicuramente anche di una lezione preziosa. Sono puri i loro sogni si concentra, infatti, su uno specifico aspetto del rapporto genitori-figli, ovvero quello che ingloba il rapporto con gli insegnanti e con l’intero mondo scolastico.

Continua a leggere

“Il mare dove non si tocca”, romanzo di formazione di Fabio Genovesi

Il mare dove non si tocca – Fabio Genovesi
(Mondadori)

47d7327b-e5b7-434b-be53-6df20576a014_medium_pSarà forse per via del momento storico, sarà per l’opprimente bisogno di sentirci adulti che ci impone di continuo la convivenza sociale, ma sta di fatto che i romanzi dedicati a storie d’infanzia catturano l’attenzione e diventano spesso delle piccole perle che tanto i più grandi quanto chi sta ancora crescendo guarda con interesse in vetrina e, prima o dopo, alla fine compra e legge.

Il mare dove non si tocca di Fabio Genovesi, uscito per Mondadori a settembre 2017, ne è un ottimo esempio. Si tratta, infatti, di una storia che parte da quando il protagonista non va ancora neppure a scuola, ovvero quel momento dell’esistenza in cui l’universo personale coincide con il nucleo familiare e con i suoi componenti.

Continua a leggere

“Parla mia paura”, il nuovo vibrante romanzo di Simona Vinci

Parla mia paura – Simona Vinci
(Einaudi)

7895960_2695534Simona Vinci è tornata in libreria lo scorso 19 settembre con Parla mia paura, già in ristampa con Einaudi Stile Libero. Si tratta di una storia insolita per l’autrice, che normalmente non ama scrivere in prima persona né soffermarsi su dettagli personali, e che in questo caso si è invece fatta portavoce di una testimonianza autobiografica complessa.

Il romanzo, infatti, è il completamento de La prima verità, opera con cui la scrittrice ha vinto il Premio Campiello nel 2016 e di cui la nuova pubblicazione rappresenta un cambio di prospettiva interessante, fondato sulle parti tagliate fuori dalla storia precedente.

Continua a leggere